LAVORI DI COLLEGAMENTO STRADALE ESTERNO ALL’ABITATO DI TIVOLI – VARIANTE AL PONTE DEGLI ARCI – CIG: 6147296D20

Allegati

Importo dei lavori al netto degli oneri della sicurezza: Euro 7.464.163,96  (settemilioniquattrocentosessantaquattromilacentosessantatre/96)
Importo complessivo dei lavori: Euro 7.688.211,44 (settemilioniseicentoottantottomiladuecentoundici/44)
Importo oneri per la sicurezza: Euro 224.047,48 (duecentoventiquattromilaquarantasette/48)
Categoria prevalente: OG3-classifica IV-bis
Categorie Scorporabili:
OS18/A – classifica IV (subappaltabile al 30%)
OS21 – classifica IV (subappaltabile al 30%)
OG8 – classifica III (subappaltabile al 100%)
OS11- classifica II (subappaltabile al 100%)
CIG: 6147296D20
CUP: F91B06000220003
Procedura di aggiudicazione: Procedura aperta
Responsabile del Procedimento: Ing. Giovanni Torriero
Termine per il ricevimento delle offerte: Entro e non oltre le ore 13:00 del 28 luglio 2015
Criterio di aggiudicazione: Offerta economicamente più vantaggiosa
Data di pubblicazione sul profilo committente: 06/03/2015


DOCUMENTI DI GARA


QUADRO PUNTEGGI


Avviso in merito alla nota di definizione dell’ANAC e proroga dei termini per la presentazione delle offerte (04/06/2015)


INFORMATIVA A SEGUITO NOTA ACER


F.A.Q. – Domande frequenti

E’ pervenuto alla scrivente Azienda il seguente quesito:

Buongiorno,
con riferimento alla gara in oggetto per i “Lavori di collegamento stradale esterno all’abitato di Tivoli – Variante al Ponte degli Aranci “, si richiede quanto segue:
– vengono richieste le seguenti categorie: OG 3 classifica IV bis prevalente e le categorie OS 18/A cl. IV – OS 21 cl. IV – OG 8 cl. III e OS 11 cl. II, la sottoscritta Impresa possedendo la categoria prevalene OG 3 classifica V (pari ad € 5.165.000,00 più incremento del 20% = 6.198.000,00)  può dichiarare di subappaltare le categorie OG 8 ed OS 11 ad Impresa qualificata mentre per le categorie OS 18/A e OS 21 c’è l’obbligo di A.T.I. e/o avvalimento ? oppure possiamo dichiarare di subappaltare tutte le categorie scorporabili ad impresa qualificata ?

Risposta:

Spettabile Impresa, riscontrando il quesito da Voi presentato, si rappresenta quanto segue.

Se la Vostra Impresa non è in possesso delle ulteriori categorie previste nel bando di gara, dovete necessariamente costituire un ATI verticale o fare avvalimento. Una volta costituita l’ATI o fatto avvalimento, le categorie  OG8-III e OS11- II, possono essere subappaltate al 100% ad impresa in possesso di relative qualificazioni, mentre le categorie OS18/A- IV e OS21-IV, possono essere subappaltate nei limiti del 30% ad impresa in possesso di relativa qualificazione.


Sono  pervenuti alla scrivente Azienda in data 23.03.2015  i seguenti quesiti: 

1)  E’ possibile avere il verbale della conferenza dei servizi dell’opera?

2) E’ possibile al fine di rispondere ai criteri di attribuzione dei punteggi del bando, modificare la conformazione architettonica della pila, mantenendo la stessa posizione planimetrica prevista nel progetto esecutivo posto a base di gara?

3) E’ possibile minimizzare la deviazione dell’alveo del fosso Empiglione, garantendo in ogni caso le stesse caratteristiche di deflusso e gli stessi interventi di protezione previsti nel progetto esecutivo posto a base di gara?

Risposta:

Spettabile Impresa, riscontrando i quesiti da Voi presentati, si rappresenta quanto segue:

In merito al punto 1)  Il verbale della Conferenza di Servizi dell’opera è ora disponibile e scaricabile dal sito Astral.
In merito al punto 2)  E’ possibile modificare la conformazione architettonica della pila, mantenendo la stessa posizione planimetrica prevista nel progetto esecutivo posto a base di gara, e mantenendo le garanzie del calcolo strutturale e funzionale dell’opera d’arte.
In merito al punto 3)  E’ possibile minimizzare la deviazione dell’alveo del fosso Empiglione, garantendo in ogni caso le stesse caratteristiche di deflusso e gli stessi interventi di protezione previsti nel progetto esecutivo posto a base di gara.

Si rende necessario comunque fornire alcuni chiarimenti:

a) Il progetto esecutivo posto a base di gara ha recepito tutte le prescrizioni espresse dai vari enti competenti come descritto al punto 3.2. della Relazione Generale. Infatti il progetto definitivo prevedeva una soluzione strutturale del ponte a tre luci e quindi un diverso impatto sull’alveo del fosso Empiglione ma, le indagini archeologiche propedeutiche al progetto esecutivo, richieste in sede di Conferenza di Servizi dalla competente Soprintendenza, hanno portato alla scelta della soluzione a due luci con pila posizionata nell’unica area libera da preesistenze archeologiche.

b) Le proposte migliorative devono essere tassativamente coerenti alle prescrizioni espresse dai vari enti coinvolti durante la Conferenza di Servizi  e  a quanto richiesto nel Disciplinare di Gara al punto 17. Contenuto della Busta “B – Offerta tecnico-organizzativa”. Nello specifico il progetto proposto non dovrà prevedere modifiche sostanziali …………. , né prevedere l’esecuzione di opere per le quali sia necessario l’ottenimento di nuovi pareri o la convocazione di una nuova Conferenza di Servizi.


E’ pervenuto alla scrivente Azienda il seguente quesito:

Si richiede con la presente in merito alla categoria OS21 di importo pari ad € 1.884.121,70 se è possibile partecipare avendo la qualificazione per il 70% dell’importo e subappaltare il restante 30%.

Risposta:

Spettabile Impresa, riscontrando il quesito da Voi presentato, si rappresenta quanto segue:

La categoria OS21, classifica IV, deve essere posseduta, anche mediante ATI o avvalimento, dall’impresa concorrente.

Premesso quanto sopra, la medesima categoria è subappaltabile, nei limiti del 30%, ad impresa in possesso di relativa qualificazione.


E’ pervenuto alla scrivente Azienda il seguente quesito:

Disciplinare di gara punto 13.1.2

Ammessa la disponibilità della categoria prevalente OG3 in classifica V, è possibile possedere solo il 70% della categoria OS21 e coprire il restante 30% per mezzo della categoria prevalente?

In tal caso è obbligatorio dichiarare il sub appalto del 30%?

Risposta:

Spettabile impresa, riscontando il quesito da voi presentato, si rappresenta quanto segue:

Si conferma  quanto riportato al punto 13.1.2 del Disciplinare di gara e pertanto è obbligatorio dichiarare il subappalto nei limiti del 30% ad impresa in possesso di relativa qualificazione.


È pervenuto alla scrivente Azienda il seguente quesito:

possediamo la categoria OG3 VII – OS21 IV – OG8 III,  per partecipare alla suddetta gara, è corretto creare un’ ATI di tipo verticale con impresa in possesso della categoria OS18/A III bis, subappaltare il restante 30% a impresa qualificata e infine subappaltare il 100% della categoria OS11 sempre ad impresa qualificata?

Risposta:

L’ATI così costituita sarebbe mancante del possesso della categoria OS11-II per poter partecipare alla gara.

La categoria  OS 11-II una volta posseduta  mediante ATI o avvalimento potrà  essere subappaltata al 100% ad impresa in possesso di relativa qualificazione.


È pervenuta alla scrivente Azienda il seguente quesito:

In riferimernto alla Vs. risposta al ns. quesito del 31.03.2015, Vi chiediamo perchè indicate l’obbligatorietà di creare un’ati verticale per la categoria OS11 quando nel bando si riporta che la stessa è subappaltabile al 100% ad impresa in possesso di tale categoria e calssifica richiesta.

Risposta:

Spett.le Impresa,  la categoria OS11 è a qualificazione obbligatoria, ciò vuol dire che è necessario possederla, da soli oppure costituendo un ATI verticale o facendo avvalimento.

Sul bando è scritto che la stessa è subappaltabile al 100%, presupponendo che l’impresa concorrente abbia la relativa qualificazione.

Pertanto, in primis dovete possedere la qualificazione OS11, secondo le modalità sopra descritte e, successivamente, potete subappaltare la stessa al 100& ad impresa in possesso di relativa qualificazione.”


E’ pervenuto alla scrivente Azienda il seguente quesito:

In riferimento alla gara in oggetto Vi chiediamo se è possibile ricorrere all’istituto dell’avvalimento con un’impresa per soddisfare il requisito della categoria OS18/A e con un’altra impresa per soddisfare il requisito OS11. Le restanti categorie sono possedute dalla scrivente.

Risposta:

E’ possibile ricorrere all’istituto dell’avvalimento ai sensi e per gli effetti dell’art. 49 del codice dei contratti D.lgs 163/2006, così come anche previsto nel bando e nel disciplinare di gara dell’appalto in argomento.


E’ pervenuto alla scrivente Azienda il seguente quesito:

Con riferimento alla procedura di gara si richiede il seguente chiarimento in merito alla qualificazione per la partecipazione:

  • possesso di attestazione SOA categoria OG3 class. VI
  • avvalimento con impresa in possesso delle categorie OS21 IIIbis; OG8 II; OS11 III
  • Ati verticale con impresa in possesso della categoria OS18/A VIII

Per quanto sopra si richiede se è sufficiente, ai fini della qualificazione, la suindicata composizione e se l’avvalimento di più categorie con un’unica impresa è ammesso.

Risposta

In merito alla suindicata composizione si evidenzia la criticità per la categoria OG8 la quale non soddisfa la classifica di gara che è la III e non la II per come indicata . Per la corretta composizione ai fini della qualificazione si raccomanda l’attenta lettura del Bando e Disciplinare di gara.

 L’avvalimento di più categorie con un’unica impresa è ammesso, confronta parere n. 10 del 30.012014  PREC 167/13/L  ANAC (Autorità Nazionale Anticorruzione)


E’ pervenuto alla scrivente Azienda il seguente chiarimento:

Nel disciplinare di gara è indicato l’importo relativo alla categoria OG8 pari ad € 525.390,69.

A parere di quest’Impresa la classifica II pari ad € 516.000,00 incrementata del 20% risulta essere pari ad 619.200,00 e quindi sufficiente a coprire l’importo di € 525.390,69.

Risposta

Si  condivide il chiarimento. La categoria OG8 con la classifica II incrementata del previsto 20%  è sufficiente a coprire l’importo di € 525.390,69  relativo alla lavorazione OG8 riportata nel bando e nel disciplinare di gara.


Sono pervenuti alla scrivente Azienda i seguenti quesiti:

– Per quanto concerne la compilazione della lista delle categorie non è stato lasciato lo spazio sufficiente per inserire nuove voci, ma a pag. 19 del disciplinare di gara al punto 7 a ), si da la possibilità al concorrente di modificare le quantità ed inserire ulteriori voci che ritiene mancanti .

Per maggior chiarezza si richiede se il concorrente deve fare un allegato a parte  strutturato con le medesime modalità con eventuali nuovi articoli ed inserirlo unitamente alla lista delle categorie (nella busta della  parte economica), oppure fare un descrizione senza prezzi per ogni singolo articolo da allegare alla parte tecnica lasciando inalterata la lista e distribuendo i costi nelle voci previste.

– Si richiedono chiarimenti sulle modalità di verifica della congruità dell’offerta sulla riduzione del tempo e se è sufficiente la dichiarazione allegata senza alcun programma lavori che giustifichi la riduzione e senza alcun limite massimo.

Risposta

In merito al primo quesito si ritiene che, qualora il concorrente non riuscisse ad inserire di seguito all’ultimo articolo, avente il numero 167, della Lista delle lavorazioni e forniture previste per la esecuzione dell’opera e dei lavori, vidimata in originale dal RUP, nuove voci,  possa produrre un allegato strutturato con le medesime modalità della predetta lista, debitamente firmato dal concorrente stesso. La Lista delle lavorazioni e forniture previste per la esecuzione dell’opera e dei lavori  unitamente al predetto allegato vanno firmati e inseriti  nella Busta “D Offerta economica.

Per quanto riguarda il secondo quesito relativo all’offerta tempo si conferma quanto previsto nello Schema di Disciplinare di Gara.


E’ pervenuto alla scrivente Azienda il seguente quesito:

In riferimento a quanto richiesto al punto 2.5) del paragrafo 17. dello Schema disciplinare di gara (“la descrizione e la specificazione delle eventuali proposte di miglioramento delle misure di sicurezza che si adotteranno in fase di esecuzione dei lavori.” cfr. pagina 17), ed al successivo punto 5) delle precisazioni e prescrizioni del medesimo paragrafo (“con riferimento al solo elenco elaborati del progetto posto a base di gara, il concorrente dovrà indicare gli elaborati che dovranno essere sostituiti in funzione delle proposte migliorative presentate.” cfr. pagina 18). Si domanda se quanto richiesto dovrà essere inserito in due distinti documenti o sarà possibile inserire tali informazioni in altri documenti della “Offerta tecnico-organizzativa”

Risposta

Le informazioni  di cui al quesito dovranno essere inserite nella busta  “B – Offerta tecnico-organizzativa” per come previsto nel punto 17. dello Schema di Disciplinare di Gara


E’ pervenuto alla scrivente Azienda il seguente quesito:

Egregio Ing.  Torriero buonasera,

La disturbo, in merito alla gara in oggetto, per avere una conferma circa l’assenza dell’AVCPASS tra la documentazione amministrativa di gara da produrre.

Risposta

Nella busta “A – Documentazione amministrativa” deve essere inserito il documento che riporta il PASSOE rilasciato dall’ANAC, affinché la stazione appaltante possa accedere ai dati ad esso associato , per come previsto a pag. 3 punto 4. e a pag. 14 punto 16.9 dello Schema di Disciplinare di Gara.

Inoltre, sempre nella busta  “A – Documentazione amministrativa” va inserita anche la ricevuta del pagamento del contributo a favore dell’ANAC così come previsto a pag. 15, punto 16.16 del suddetto Schema di Disciplinare di Gara.


E’ pervenuto alla scrivente Azienda il seguente quesito:

Buona sera, con riferimento alla gara in oggetto si pone alla Vs. attenzione il seguente quesito:

la nostra azienda è  in possesso delle seguenti categorie:

OS18/A class. VIII

OS21 class. IV

OG8 class. II

OS11 class. I

Il dubbio sorge leggendo una Vs. risposta data ad un quesito fatto da altra impresa ovvero:  “la categoria OS11 è a qualificazione obbligatoria, ciò vuol dire che è necessario possederla da soli oppure costituendo un’ ati verticale o facendo avvalimento”.

Ora il comma 7 dell’art. 92 del DPR 207/2010 recita che il concorrente singolo  che non possiede la qualificazione in ciascuna delle categorie di cui all’articolo 107, comma 2, per l’intero importo richiesto dal bando di gara o dalla lettera di invito deve possedere i requisiti mancanti relativi a ciascuna delle predette

categorie  di cui all’articolo 107, comma 2, e oggetto di subappalto, con riferimento alla categoria prevalente….”

Peraltro l’importo della categoria OS11 class. II come da Vs. bando è pari ad € 313.948,45  ed è inferiore al 15% dell’importo totale lavori per cui è subappaltare al 100%

Il quesito  è quindi: questa impresa essendo in possesso delle categorie con le classifiche sopra descritte può partecipare alla gara in oggetto come impresa singola subappaltando al 100% la categoria OS11  e subappaltando al 100% la categoria OG8?

Risposta

Per quanto riguarda la partecipazione alla gara in oggetto come impresa singola, subappaltando al 100% la categoria OS11  e subappaltando al 100% la categoria OG8, si conferma che le stesse categorie a qualificazione obbligatoria devono essere possedute sia avvalendosi di quanto previsto a pag. 8  punto 13.1.3, del Disciplinare di Gara, oppure costituendo un’ATI verticale o ricorrendo all’avvalimento.

Si evidenzia comunque che non è stata indicata tra le categorie in possesso di codesta società la categoria prevalente OG3  IV bis necessaria per la partecipazione alla gara per come richiesto dal bando e dal disciplinare di gara.


E’ pervenuto alla scrivente Azienda il seguente quesito:

Buongiorno,

 a completamento della mia domanda inviata ieri evidenzio che siamo in possesso della categoria prevalente OG3 in classifica VIII. Questo elemento determina una risposta diversa da quella ricevuta oggi oppure la riconfermate?

 Grazie, cordialmente”

Risposta:

Spettabile Impresa,

preso atto che siete qualificati anche per la categoria OG3 classifica VIII, con riferimento alle altre categorie di cui al quesito precedente, si conferma quanto detto nella precedente risposta.

 Cordialmente


E’ pervenuto alla scrivente Azienda il seguente quesito:

E’ corretto partecipare alla gara in oggetto con le seguenti modalità?

– costituendo un’ATI di tipo verticale non ancora costituita, tra una società commerciale in qualità di capogruppo per le categorie OG3, OG8 e OS21 e un consorzio stabile in qualità di associata per la categoria OS18/A

– la società capogruppo si avvale dell’istututo dell’avvalimento con altra società commerciale per la categoria OS11 Grazie e distinti saluti.

Risposta:

Qualora una costituenda ATI fosse in possesso delle categorie e classifiche per come richieste dal Bando e dal Disciplinare di gara e così come dichiarato nel quesito, può usufruire,  come previsto all’art. 13.2, pag 9 del Disciplinare di gara, dell’istituto dell’avvalimento  con altra impresa  in possesso della categoria  e classifica richiesta dal Bando e dal Disciplinare di gara.


Sono pervenuti alla scrivente Azienda i seguenti quesiti:

QUESITO N. 1

PROPOSTE MIGLIORATIVE ED ELABORATI CHE DOVRANNO ESSERE SOSTITUITI – punti 17.2.2 e 17.2.3

Il concorrente presenterà tutte le proposte migliorative in 5 elaborati A0; nella documentazione tecnica allegherà eventuali calcoli strutturali, senza limite di numero, a supporto delle varianti ed evidenzierà l’elenco degli elaborati di gara che dovranno essere sostituiti.

Gli elaborati da sostituire, a prescindere dal numero, verranno redatti in caso di aggiudicazione e non in questa fase dove tutte le varianti vanno concentrate nei cinque elaborati.

Con riferimento a quanto sopra, si chiede conferma di aver interpretato correttamente il Disciplinare di Gara.

I tempi per l’esecuzione degli elaborati da sostituire devono essere ricompresi nei tempi contrattuali per l’esecuzione dei lavori?

QUESITO N. 2

FIRMA RELAZIONI ED ELABORATI – punto 17 precisazioni

Tutte le relazioni e gli elaborati saranno firmati dai legali rappresentanti dell’RTI da costituire.

Le eventuali relazioni di calcolo da allegare nella documentazione tecnica vanno firmate da un progettista iscritto all’ordine professionale? Ovvero il professionista abilitato redigerà il progetto solo dopo l’aggiudicazione e sulla base delle varianti ed ipotesi migliorative che verranno accettate?

QUESITO N. 3

BUSTA “C” OFFERTA TEMPO

Nella busta “C” va inserita l’offerta tempo senza un programma dei lavori aggiornato?

QUESITO N. 4

PROFILO TECNICO – punto 17.1

Nella struttura organizzativa va inserita l’organizzazione per l’esecuzione dei lavori con gli schemi W.B.S. che individuino la programmazione dei lavori con i diagrammi di GANT senza che sia desumibile l’eventuale riduzione di tempo di cui alla busta “C”?

Risposta  al quesito n.1

In merito al primo periodo del quesito n. 1 si precisa come previsto al punto 17. comma 2)/2) pag. 17 del Disciplinare di gara e di seguito riportato che ……. gli elaborati dovranno chiaramente indicare a quali parti del progetto esecutivo esse si riferiscono e dovranno dimostrare la loro integrazione e coerenza con lo stesso progetto esecutivo posto a base di gara ed essere presentati in formato cartaceo.

In merito al secondo periodo del quesito n. 1 si precisa come previsto al punto 17. comma 1) pag. 17 del Disciplinare di gara e di seguito riportato che ….. Si dovrà comunque fornire tutta la documentazione utile ad illustrare in dettaglio le eventuali proposte migliorative .…..    Altresì il progetto proposto non dovrà prevedere modifiche sostanziali di singoli aspetti riguardanti l’ottemperamento di prescrizioni impartite, né prevedere l’esecuzione di opere per le quali sia necessario l’ottenimento di nuovi pareri o la convocazione di una nuova Conferenza di Servizi……

In merito al quarto periodo del quesito n. 1 si precisa che non sono previsti ulteriori tempi contrattuali per l’esecuzione degli elaborati.

Risposta  al quesito n. 2

Poiché la RTI è costituenda si conferma che anche tutte le relazioni e gli elaborati devono essere firmati dai legali rappresentanti della RTI da costituire.

Si precisa che le eventuali relazioni di calcolo da allegare nella documentazione tecnica vanno firmate da un progettista iscritto all’ordine professionale e fanno parte della proposta migliorativa offerta.

Risposta  al quesito n. 3

Per quanto riguarda il quesito n. 3 relativo all’offerta tempo si conferma quanto previsto nel Disciplinare di gara.

Risposta  al quesito n. 4

Si conferma che l’indicazione della riduzione temporale relativa alla fase di esecuzione dei lavori  va inserita esclusivamente nella Busta”C – Offerta tempo”


E’ pervenuto alla scrivente Azienda il seguente quesito:

Salve, con Rif.to alla gara d’appalto “COLLEGAMENTO STRADALE ESTERNO ALL’ABITATO DI TIVOLI- VARIANTE AL PONTE ARCI” Le chiedo se nel caso di RTI da costituirsi la mail di avvenuta presa visione degli elaborati progettuali sul sito web di Astral deve essere inviata dalla sola capogruppo o da ciascuna impresa costituente l’ATI.

Grazie.

Risposta:

Spettabile Impresa, nel caso di RTI da costituirsi, la dichiarazione di presa visione degli elaborati di gara deve pervenire da ciascuna impresa, specificando nella mail di essere un’ impresa facente parte di un’ATI costituenda e indicando i nominativi di tutte le altre imprese.

Nel caso in cui decidiate di prendere visione degli elaborati in sede, è sufficiente la presenza della sola impresa futura capogruppo, munita di procura da parte delle altre imprese facenti parte del costituendo raggruppamento. Cordialmente.


E’ pervenuto alla scrivente Azienda il seguente quesito:

VISTO IL BANDO E DISCIPLINARE DEI LAVORI IN OGGETTO PREVEDONO LE SEGUENTI CATEGORIE

Lavorazione Categoria Classifica Qualificazione obbligatoria (sì/no) Importo (Euro) % Indicazioni speciali ai fini della gara
Prevalente o scorporabile Subalppaltabile (sì/no)
OG3 IV- bis 2.624.712,54 34,14 prevalente 30% Sì
OS18/A IV 2.340.038,06 30,44 scorporabile 30% Sì
OS21 IV 1.884.121,70 24,51 scorporabile 30% Sì
OG8 III 525.390,69 6,83 scorporabile 100% Sì
OS11 II 313.948,45 4,08 scorporabile 100% Sì
TOTALE 7.688.211,48 100,00

ALTRESI’ IL DISCIPLINARE RIPORTA LE SEGUENTI POSSIBILITA’ DI PARTECIPAZIONE E PRECISAMENTE:

  • 2. La mancata espressione della volontà di ricorso al subappalto, per quelle categorie a qualificazione obbligatoria non possedute dal partecipante, comporta l’esclusione dalla gara.
  • 1.2. Poiché l’importo delle lavorazioni di cui alle categorie OS18/A e OS21 è superiore al 15% e, pertanto, è subappaltabile soltanto nella misura del 30%, è necessario che il concorrente, ai sensi dell’art. 37, comma 11, del Codice, sia qualificato nelle categorie OS18/A e OS21 nella misura minima del 70% del relativo importo. I requisiti mancanti devono essere posseduti con riferimento alla categoria prevalente.
  • 1.3. I concorrenti possono beneficiare dell’incremento della classifica di qualificazione nei limiti ed alle condizioni indicate all’art. 61, comma 2, del Regolamento.

EVIDENZIAMO CHE LA NOSTRA SOCIETA’ INTENDE PARTECIPARE ALLA GARA IN OGGETTO IN COSTITUENDA ATI DI TIPO VERTICALE COSI’ COMPOSTA CON I SEGUENTI REQUISITI

SOCIETA’ “A” POSSIEDE LA CAT. OG3 CLASS. VIII;

SOCIETA’ “B” POSSIEDE LA CAT. OS18/A CLASS. VIII;

SOCIETA’ “C” POSSIEDE LA CAT. OS 21 CLASS. IIIBIS (CON IMPEGNO DI SUBAPPALTO DEL 30% AI SENSI DELL’ART. 37 COMMA 11 DEL CODICE).

PER LE CATEGORIE OS 11 ED OG8 (PREVISTE SUBAPPALTABILI AL 100%) ED IL RESIDUO DEL 30% DELLA OS21, TUTTE E TRE LE CATEGORIE VERRANNO ESPRESSAMENTE DICHIARATE IN SUBAPPALTO, COME RICHIESTO DAL  DISCIPLINARE DI GARA SONO COPERTE DALL’IMPORTO DALLA CLASSIFICA ILLIMITATA DELLA CATEGORIA PREVALENTE OG3.

IN RELAZIONE A QUANTO SOPRA EVIDENZIATO, LE RICHIEDIAMO, SE LA NOSTRA LETTURA DELLA DOCUMENTAZIONE DI GARA CORRISPONDE ALLA NORMATIVA VIGENTE, SIA CORRETTA E PERMETTERCI DI PARTECIPARE ALLA PROCEDURA APERTA CON QUESTA CONFIGURAZIONE DI COSTITUENDA ATI?

Risposta

L’ATI costituenda per come indicata  presenta le criticità per le categorie OS 11 e OG8 per poter partecipare alla gara. Le predette categorie a qualificazione obbligatoria con le relative classifiche  devono essere possedute dal concorrente da solo o mediante ATI verticale o avvalimento  per le motivazioni espressamente riportate nella lettera di risposta alla nota dell’ACER  e alle risposte di analoghi quesiti pubblicate nel sito di Astral all’interno del bando di cui all’oggetto, sezione FAQ-domande frequenti.

Le predette categorie una volta possedute possono essere subappaltate al 100% ad imprese in possesso delle relative qualificazioni.


E’ pervenuto alla scrivente Azienda il seguente quesito:

Si riscontra dall’esame del computo metrico che la somma TOTALE di euro 7.620.817,03 non corrisponde alla somma di euro 7.464.163,96 di importo netto degli oneri della sicurezza, di cui al disciplinare di gara.

Si richiede un chiarimento in merito a tale incongruenza.

Risposta

Non esiste nessuna incongruenza in quanto l’importo dei lavori a corpo soggetto a ribasso pari a euro 7.464.163,96  è determinato dalla differenza tra l’importo di euro 7.620.817,03  e l’importo di  euro 156.653,07 (oneri sicurezza non soggetti a ribasso contenuti nei prezzi applicati, vedi allegato E computo dei costi sicurezza Piano sicurezza e coordinamento)

L’importo complessivo degli oneri della sicurezza non soggetti a ribasso pari a euro 224.047,48 è dato dalla somma di euro 156.653,07 (oneri sicurezza non soggetti a ribasso contenuti nei prezzi applicati) e  euro 67.394,41 (oneri sicurezza non soggetti a ribasso non contenuti nei prezzi applicati). Vedi allegato E computo dei costi sicurezza Piano sicurezza e coordinamento.


E’ pervenuto alla scrivente Azienda il seguente quesito:

Con riferimento al contenuto relativo al “Profilo tecnico: I) struttura organizzativa” , si chiede se i curricula delle risorse componenti il gruppo di lavoro (così come richiesto nella colonna “Elementi di valutazione” della tabella di valutazione dei criteri a pag. 21 del Disciplinare di Gara) possono costituire un allegato autonomo o se devono essere ricompresi nelle 8 schede in formato A4 previsti nel punto 17 – par I) di pag. 16.

Risposta

I curricula delle risorse componenti il gruppo di lavoro devono essere ricompresi nelle otto schede  in formato A4 oppure nelle 4 schede in formato A3 come previsto nel punto 17. – par I) di pag. 16.


E’ pervenuto alla scrivente Azienda il seguente quesito:

Si richiede l’ulteriore chiarimento: è intenzione di quest’Impresa partecipare alla procedura di gara in ATI verticale per la categoria OS18/A ed in avvalimento con altra impresa per le categorie OS21-OG8-OS11.

Per quanto sopra il documento PassOe da produrre deve essere unico oppure bisogna produrne due? (uno per ATI ed uno per avvalimento).

In attesa di cortese riscontro si inviano i più distinti saluti

Risposta:

In merito al quesito posto,  mi sono rivolto al Contact Center dell’ANAC, che, confermandomi la peculiarità del caso, mi ha spiegato che è l’operatore economico a doversi rivolgere a loro per essere guidato nella creazione di questo PassOe atipico. Vi invito, pertanto, a rivolgerVi al Contact Center dell’ANAC, al n. 0249520512.

Rappresento, in ogni caso, che la finalità del documento denominato PassOe è quella di consentire alla Stazione Appaltante di poter effettuare su ogni impresa partecipante – mandante, mandataria, ausiliaria, avvalente, etc. – le  verifiche previste dalla vigente normativa, tramite il sistema AVCPASS”.


E’ pervenuto alla scrivente Azienda il seguente quesito:

Con la presente si richiede il seguente chiarimento:

nell’ultima pagina della lista delle categorie (riepilogo) compaiono le seguenti voci:

  1. Totale opere a corpo
  2. Totale somme non soggette a ribasso € 224.047,48
  3. Totale importo offerto al netto delle somme non soggette a ribasso (A-B)

applicando questa formula ne deriva che (A) è il totale derivante dalla moltiplicazione delle quantità per prezzi unitari comprensivi degli oneri di sicurezza.

a pag. 19 del disciplinare di gara al punto c) viene indicato che i prezzi unitari offerti devono essere comprensivi delle spese generali e dell’utile ed al netto dei costi della sicurezza non soggetti a ribasso.

Si richiede pertanto un chiarimento su come deve essere considerato l’importo di cui alla lettera C) e sulla formula da utilizzare ed eventualmente con quale modalità effettuare la correzione sul riepilogo.

Risposta:

In risposta al quesito posto il Concorrente non deve far altro che attenersi a quanto previsto dal disciplinare:

  • 19 lettera b) che la somma di tutti gli importi riportati nella settima colonna della lista costituisce il prezzo globale richiesto ed è indicato in calce alla lista con il conseguente ribasso percentuale, calcolato con la formula di cui alla successiva lettera d), rispetto al prezzo complessivo posto a base di gara; il prezzo richiesto ed il ribasso percentuale sono espressi in cifre ed in lettere; il ribasso è espresso fino alla terza cifra decimale, arrotondata all’unità superiore qualora la quarta cifra decimale sia pari o superiore a cinque;
  • 19 lettera c) che i prezzi unitari offerti devono essere comprensivi delle spese generali e dell’utile ed al netto dei costi della sicurezza non soggetti a ribasso;

Quanto previsto al punto A, del riepilogo in calce alla lista delle lavorazioni, non è altro che il valore riepilogativo comprendente l’importo offerto (cfr. punto C del riepilogo in calce alla lista delle lavorazioni) e gli oneri ordinari e speciali della sicurezza (cfr. punto B del riepilogo in calce alla lista delle lavorazioni).

Il punto C è ottenuto tenendo conto di quanto previsto a pag. 19 lettera b) e lettera c) del Disciplinare di gara.


E’  pervenuto alla scrivente Azienda il seguente quesito:

A seguito della lettura del bando di gara relativo alla gara indicata in oggetto in riferimento alla lettera y) dell’ALLEGATO A 1  siamo a richiedere:

  • di confermare che, i dati riportati siano corretti:
  1. y) di accettare, senza condizione o riserva alcuna, tutte le norme e disposizioni contenute nel bando di gara, nel disciplinare di gara e relativi allegati, nel capitolato speciale d’appalto, nel piano di sicurezza e coordinamento nonché in tutti i rimanenti elaborati del progetto esecutivo approvato con atto determinazione a contrarre del 20 febbraio 2015 n. 55 e successiva determina integrativa del 26 febbraio 2015, n. 62

Risposta

Si confermano corretti  i  dati riportati


E’ pervenuto alla scrivente Azienda il seguente quesito:

alla lettera y) dell’allegato A/1 viene richiesto l’atto di approvazione del progetto esecutivo… cito testualmente: “ di accettare, senza condizione o riserva alcuna, tutte le norme e disposizioni contenute nel bando di gara….. etc. etc. nonchè in tutti i rimanenti elaborati del progetto esecutivo approvato con atto di ……… n. …….. del …………” .

Si chiede,  dove poter trovare i dati richiesti, oppure se lei gentilmente può fornirli oppure se trattasi di refuso.

Risposta:

I dati da voi richiesti sono facilmente reperibili sia sul bando di gara che sul disciplinare di gara.

In ogni caso  quanto osservato  si completa ….. nonché in tutti i rimanenti elaborati del progetto esecutivo approvato con determinazione a contrarre del 20 febbraio 2015 n. 55 e successiva determina integrativa del 26 febbraio 2015, n. 62”.

Si informa, inoltre che analogo quesito, con relativa risposta, è stato pubblicato sul sito di Astral all’interno del bando in oggetto, sezione FAQ – domande frequenti


Sono pervenuti alla scrivente Azienda i seguenti quesiti:

Salve,

nel punto 16.1.1 del disciplinare si specifica che nel “caso di raggruppamento temporaneo non ancora costituito, la domanda di partecipazione deve essere sottoscritta da tutti i soggetti che costituiranno il raggruppamento”

Le chiedo:

Nel caso di ATI da costituire quale  domanda di partecipazione Allegato A/I deve essere sottoscritta da tutte le imprese ? la domanda di partecipazione presentata dalla mandataria oppure tutte anche quelle presentate dalle mandanti?

Grazie.

Nel disciplinare di gara si specifica che la domanda di partecipazione deve essere fatta in forma congiunta nel caso di RTI da costituirsi.

Chiedo se è corretto che le singole imprese presentano ognuna per la propria competenza “ l’allegato A/1 Domanda di ammissione” e poi si farà un’altra dichiarazione con cui le imprese domandano di essere ammesse alla gara  e si impegnano alla costituzione dell’Ati  e detta dichiarazione sarà sottoscritta da tutte le imprese dell’ATI da costituirsi così come precisato al punto 16.1.1 del disciplinare.

Risposta:

In caso di raggruppamento non ancora costituito, la domanda di partecipazione, redatta preferibilmente secondo il modello A/1, deve essere presentata da ciascun impresa che farà parte del futuro raggruppamento, così come stabilito al punto 16.1.1 del disciplinare di gara.

Per ciò che concerne l’ impegno a dare mandato collettivo irrevocabile con rappresentanza alla futura capogruppo nonché l’impegno a costituire raggruppamento in caso di aggiudicazione di gara, le relative dichiarazioni devono essere rese, da ciascuna impresa, all’interno della domanda unitamente a tutte le altre dichiarazioni, secondo le modalità di cui al punto 16.23 del disciplinare di gara e il punto ff. del modello allegato A/1


E’ pervenuto alla scrivente Azienda il seguente quesito:

Per chiarezza:

punto 16.1.1 del disciplinare:nel caso di raggruppamento temporaneo o consorzio ordinario non ancora costituiti, la domanda, deve essere sottoscritta da tutti i soggetti che costituiranno il raggruppamento o il consorzio”(Allegato A/1):

Punto 16.3 del disciplinare:le attestazioni di cui al presente paragrafo 16.2(quindi allegato A/1) , nel caso di raggruppamenti temporanei ecc. devono essere rese da tutti gli operatori economici che partecipano alla procedura in forma congiunta”

Domanda:

nel punto 16.1.1 del disciplinare si parla di domanda sottoscritta da tutti i soggetti e nel punto 16.3 si parla di domanda presentata in forma congiunta.

Quindi nel caso di RTI da costituirsi il termine sottoscritta da tutti i soggetti…… punto 16.1.1 significa “resa” da tutti i soggetti?

Nel punto 16.3 si parla di attestazioni 16.2 quindi Allegato A/1 rese in forma congiunta mi sembra in contrasto con quanto previsto nel paragrafo 16.1.1 in quanto se ciascuna impresa deve rendere nella domanda di partecipazione allegato A/1 in forma autonoma come fa a renderla congiunta?

Risposta:

In caso di raggruppamento temporaneo da costituirsi, la domanda di partecipazione (Allegato A/1) deve essere presentato da ciascuna impresa che farà parte del raggruppamento.

Le dichiarazioni contenute nell’Allegato A/1 devono essere rese da ciascuna impresa facente parte del futuro raggruppamento.

Il termine “congiuntamente” deve essere inteso come “da ciascuna impresa” contestualmente alla presentazione della domanda.


E’ pervenuto alla scrivente Azienda il seguente quesito:

Buonasera,

la presente per sapere se nelle voci relative alle migliorie, rif. lista delle categorie busta D, vanno indicati i prezzi oppure delle migliorie va presentato solo il computo metrico non estimativo?

Risposta:

In risposta al quesito si rimanda al Disciplinare di gara in particolare a pag. 17  punto 2) proposte migliorativa secondo quanto di seguito riportato: …………………    capoverso 4) elenco dei materiali dei componenti delle apparecchiature e delle lavorazioni  ………………………….


Sono pervenuti alla scrivente Azienda i seguenti quesiti:

In riferimento alla categoria OS 11 qualora l’impresa singola non possieda la categoria suddetta e partecipi alla gara in forma singola, subappaltando al 100% tale categoria, verrà esclusa pur possedendo tutte le altre categorie richieste dal bando e addirittura possedendo la classifica VIII nella categoria prevalente OG 3?

Nel caso in cui l’impresa singola sia costretta a costituire un’ATI per la sola categoria OS 11, la presa visione dovrebbe essere stata fatta anche dalla mandante in OS 11 oppure è sufficiente quella effettuata dalla capogruppo mandataria?

Risposta:

Con riferimento al primo quesito, si rappresenta che l’impresa singola che non possiede la qualifica nella categoria OS11 non può subappaltarla ad altra impresa.

Spiegazione puntuale della questione potete trovarla visionando le risposte ai quesiti pubblicati sul sito Astral, bando di gara Ponte degli Arci, sezione FAQ, nonché nel riscontro al quesito presentato dall’Acer, anch’esso pubblicato come sopra.

In ordine al secondo quesito, Vi rappresentiamo che, in caso di raggruppamento ancora da costituirsi, la presa visione deve essere eseguita da tutte le imprese facenti parte del futuro raggruppamento, oppure, in alternativa, può essere fatta solo dalla futura impresa capogruppo, previa delega conferita dalle mandanti.


E’ pervenuto alla scrivente Azienda il seguente quesito:

Buonasera

Con riferimento alla gara in oggetto si chiede conferma che le categorie OS11 e OG8 sono subappaltabili al 100% ad imprese qualificate senza che il concorrente ricorra all’avvalimento o alla costituzione di un raggruppamento.

In attesa di cortese riscontro si ringrazia e si inviano distinti saluti

Risposta:

Con riferimento al quesito, si rappresenta che l’impresa deve attenersi alla normativa vigente e a quanto disposto dall’ANAC con nota di definizione, Fascicolo n. 2686/2015 del 26.05.2015, pubblicata sul sito di Astral all’interno del bando in argomento.

You may also like...