GIUBILEO DELLA MISERICORDIA, DALLA REGIONE 1,7 MLN PER LA VALORIZZAZIONE DELLA VIA FRANCIGENA DEL NORD

ASTRAL SPA AL LAVORO PER LA MESSA IN SICUREZZA E LA REALIZZAZIONE DI SENTIERI ALTERNATIVI E COMPLEMENTARI

Saranno completati entro l’8 dicembre, giorno dell’inizio del Giubileo straordinario della Misericordia, i lavori per la valorizzazione della via Francigena del Nord, finanziati con 1,7 milioni di euro dalla Regione Lazio. Gli interventi, che partiranno questa settimana, sono stati presentati, nella sede di RomaNatura, dal presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, dal vicepresidente, Massimiliano Smeriglio, dall’amministratore unico di Astral, Antonio Mallamo, da Francesco Rutelli, volontario presso il Pontificio Collegio della Cultura, per i cammini spirituali, e alla presenza di monsignor Rino Fisichella.

 ASTRAL SPA, A.U. MALLAMO: “I PELLEGRINI RAGGIUNGERANNO ROMA A PIEDI IN SICUREZZA”

“L’obiettivo dei lavori – ha spiegato l’ing. Mallamo – è quello di mettere in sicurezza il tracciato ufficiale della via Francigena e di attrezzare nuovi passaggi per offrire percorsi più brevi e più sicuri ai pellegrini. Questa iniziativa è frutto di un lavoro nato mesi fa dalla volontà dell’amministrazione regionale di riqualificare un percorso storico-culturale di enorme importanza. Oggi, infatti, le condizioni in alcuni punti della Via Francigena sono davvero critiche ed è urgente intervenire in vista dell’inizio dell’anno giubilare”.

Per consentire ai pellegrini di arrivare a Roma a piedi è prevista una serie di interventi: la realizzazione di tre sentieri alternativi o complementari al tracciato ufficiale nella tappa che va da Campagnano Romano a La Storta, lunga 25 chilometri; un attraversamento pedonale del Fosso Cremera, tra i comuni di Roma e Formello, in corrispondenza del prolungamento della viabilità locale che va da via della Ficoraccia fino all’incrocio con vicolo Formellese; la ricostruzione della passerella pedonale in via Prato della Corte, nel comune di Roma, in prossimità di Vejo.

PRESIDENTE ZINGARETTI: “IL NOSTRO IMPEGNO PER LA VALORIZZAZIONE DEI LUOGHI SACRI E DEI PERCORSI RELIGIOSI”

“Tra qualche settimana sarà possibile finalmente entrare a Roma, nella capitale, e arrivare fino a San Pietro a piedi grazie ad un intervento di adeguamento e di messa in sicurezza della via Francigena del nord – ha spiegato, a conclusione dei lavori, il presidente della Regione Lazio – Avevamo iniziato questo lavoro già prima dell’indizione del Giubileo da parte di Papa Francesco – ha continuato Zingaretti – ma ovviamente il messaggio giubilare, quello della misericordia di invito al pellegrinaggio è stato uno stimolo ancora più forte per dare il nostro contributo. Grazie ad un investimento di circa 1 milione di euro, finalmente, dopo decine se non centinaia di anni, sarà possibile percorrere in piena sicurezza la via Francigena. Per noi – ha concluso – è un momento molto importante che conferma il nostro impegno nella valorizzazione dei luoghi sacri e dei percorsi religiosi che, crediamo, siano un grande patrimonio culturale, come anche il cammino di Francesco o il percorso di San Benedetto. Infine, per chi è credente, ma anche per chi non lo è, la valorizzazione di questi percorsi è un’occasione di riscoperta del pellegrinaggio come opportunità di ricostruzione del rapporto tra cittadini e territorio. Pellegrinaggio significa camminare ed incontrare gli altri ed anche in questo trovo straordinaria la forza del messaggio giubilare sulla misericordia, ovvero l’invito a pensare agli altri: e questo è il nostro modo per farlo”.

RUTELLI: “DOPO ANNI DI LAVORO, ADESSO IL PELLEGRINAGGIO DIVENTA REALTA’”

“La via Francigena è lunga un migliaio di chilometri, dalle Alpi verso Roma, e la cosa paradossale è che proprio a Roma non è percorribile – ha spiegato l’ex sindaco di Roma, Francesco Rutelli, nel corso della presentazione dei lavori – E’ per questo che, da circa due anni, prima dell’inizio del Giubileo, mi sto impegnando come volontario per cercare di ricostruire una percorribilità per chi viene a piedi a Roma. Anni di lavoro che con il Giubileo stanno finalmente diventando realtà. Con l’indizione dell’Anno giubilare, l’invito del Papa è quello di fare l’esperienza del cammino e di andare a piedi oltre la Porta Santa: adesso, sarà possibile grazie ai lavori che, oggi, la Regione Lazio ha meritoriamente avviato”.

MONSIGNOR FISICHELLA: “NECESSARIO ACCOGLIERE I FEDELI NEL MODO MIGLIORE”

“Questo è un percorso significativo per il Giubileo – ha sottolineato Monsignor Fisichella – perché si riscontra un sempre maggiore interesse verso il pellegrinaggio. Per questo motivo dobbiamo trovare il modo di accogliere i fedeli nel migliore dei modi. Il pellegrinaggio sulla via Francigena – ha, infine, ricordato Fisichella – non ha solo unito i popoli d’Europa, ma è anche stato uno strumento di arricchimento culturale”.

Roma, 07 Settembre 2015

You may also like...