SR 578 SALTO CICOLANA/ INAUGURATO IL NUOVO TRATTO VILLE GROTTI – GROTTI DI CITTADUCALE

COMPLETATO IL PRIMO LOTTO: IMPIEGATI 28,4 MILIONI DI EURO DI INVESTIMENTO PER CIRCA 3 CHILOMETRI DI STRADA

Con ordinanza n. 03/2016, Astral Spa comunica che, alle ore 15 di oggi, 28 gennaio 2016, è stato aperto al traffico il nuovo tratto Ville Grotti-Grotti di Cittaducale, dallo svincolo di Concerviano allo svincolo di Roccaranieri, della SR 578 Salto Cicolana, nell’ambito dei lavori di completamento della strada extraurbana secondaria Rieti-Torano. A inaugurare l’ultimazione del primo lotto, il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, e l’assessore regionale alle Infrastrutture, Fabio Refrigeri. Si tratta di un primo tratto di tre chilometri circa di strada che viene aperto al traffico grazie a un investimento regionale di 28,4 milioni di euro, i cui lavori sono iniziati nel 2006 e per la cui realizzazione sono stati recuperati circa 14 milioni di fondi regionali finiti in perenzione. Il costo totale del completamento della strada regionale Rieti-Torano è di circa 59 milioni di euro per otto chilometri circa di percorso. Grazie a questo intervento il traffico veicolare, in particolar modo quello pesante proveniente dall’Umbria e dall’Abruzzo, viene dirottato direttamente sulla dorsale appenninica senza dover transitare necessariamente per il Grande Raccordo Anulare di Roma e per la bretella dell’A1.

L’intervento rientra nella cosiddetta ‘Dorsale Appenninica’ che costituisce, a livello interregionale, un asse fondamentale per la viabilità secondaria, di supporto al sistema infrastrutturale nazionale, il quale prevede il collegamento, da Terni attraverso Rieti, fino a Benevento, passando per Avezzano e Sora, intercettando l’autostrada Roma-L’Aquila-Teramo.

“Con questa opera aumenta la competitività del comparto regionale. Se tutti siamo competitivi il Lazio è più forte”, ha commentato il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.

La Rieti-Torano, conosciuta anche come SR 578 Salto-Cicolana, è una arteria già esistente e che, a partire da Torano, si sviluppa per circa 60 chilometri: nell’ultimo tratto, lato Rieti, si snoda ancora sul vecchio tracciato che con un percorso stretto e tortuoso attraversa due volte il fiume Salto e passa attraverso i nuclei abitati di Casette e Grotti, compromettendone vivibilità e sicurezza e provocando una “strozzatura” nel flusso di traffico.

“Abbiamo chiesto alla provincia di Rieti il progetto, ci sono delle difficoltà di carattere locale sul tracciato, ma l’Astral e la Regione, di concerto con i sindaci del territorio, sapranno scegliere il tracciato migliore, nel rispetto di tutte le realtà presenti – ha dichiarato l’assessore regionale alle Infrastrutture, Fabio Refrigeri -. Abbiamo fatto sacrifici, ci abbiamo creduto, ma oggi possiamo dire che siamo pronti per continuare l’opera”.

 

You may also like...